Gruppo Studi Bassa Modenese

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home L'Associazione negli anni; i percorsi intrapresi, le ricerche di particolare rilevanza e l'evoluzione degli interessi

L'Associazione negli anni; i percorsi intrapresi, le ricerche di particolare rilevanza e l'evoluzione degli interessi

E-mail Stampa PDF

L'Associazione negli anni; i percorsi intrapresi, le ricerche di particolare rilevanza e l'evoluzione degli interessi

Il Gruppo Studi si è ufficialmente costituito, con atto notarile, il giorno 8 gennaio 1987, ma fece il suo primo esordio nel maggio del 1982, quando, presso la canonica della chiesa di Villafranca di Medolla (MO), il fondatore e primo presidente, Monsignor Francesco Gavioli, riunì alcuni studiosi e ricercatori locali, con l'intento di promuovere iniziative culturali riguardanti il territorio della Bassa Modenese, visto il crescente interesse per la storia locale. In quell'occasione furono presenti anche alcuni degli attuali membri del Consiglio Direttivo a dimostrazione del costante impegno profuso, fin dal sorgere dell'Associazione, da parte dei soci fondatori.

Dopo quei primi e fruttuosi incontri, nel maggio dello stesso anno Don Francesco Gavioli, a sue spese, diede alle stampe il "Quaderno n.1" della rivista "La Bassa Modenese. Il successo di tale iniziativa fu così grande che si dovettero ristampare, in seguito, sia il 1° numero del Quaderno sia il numero successivo. In seguito alla costituzione dell'Associazione, avvenuta nel 1987, la testata della rivista mutò in "Quaderni della Bassa Modenese".

Con il passare del tempo, l'Associazione vide l'ingresso di un numero sempre crescente di soci e di capaci studiosi e ricercatori, con differenti indirizzi di studio: archeologia, arte, tradizioni popolari, folklore, storia medievale, toponomastica, letteratura, storia risorgimentale, ambiente, architettura ecc.
Su iniziativa del Gruppo Studi e delle Amministrazioni Comunali locali, si sono promossi
Convegni e Giornate di Studio (si veda il paragrafo "Le Attività dell'Associazione") ai quali hanno partecipato ricercatori e docenti universitari.

L'Associazione ha poi collaborato e tuttora collabora con altre Istituzioni culturali, quali la Deputazione di Storia Patria per le Antiche Provincie Modenesi di Modena, il Centro Studi Storici Nonantolani di Nonantola, il Gruppo Culturale R616 di Finale Emilia, il Centro Internazionale di Cultura "G.Pico" di Mirandola e il Centro di Educazione Ambientale "La Raganella" di San Martino Spino. Per le pubblicazioni a carattere archeologico, il Gruppo Studi ha consolidato nel corso degli anni un costruttivo rapporto di collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia Romagna.
Visto il forte interesse di una parte di studiosi e di archeologi si è provveduto a costituire, sempre all'interno dell'Associazione, la
sezione Archeologia del Gruppo Studi (si veda il paragrafo "Le Attività dell'Associazione"), che collabora con la Soprintendenza Archeologica dell'Emilia Romagna nella tutela del territorio, nell'effettuare ricerche sul campo e nel riordino e studio dei materiale recuperati.

Nel 2006 il Gruppo Studi ha festeggiato i suoi primi venticinque anni d'attività editoriale e di promozione culturale. Un traguardo reso possibile grazie alla tenacia e alla costanza di un gruppo di studiosi ed appassionati, a fattivi contributi economici di alcune aziende locali, ma in particolare della Banca Popolare di San Felice sul Panaro, che ha sostenuto l'attività dell'Associazione nel suo progressivo crescere attraverso gli anni, della Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola, della Fondazione di Vignola e di alcuni Comuni della Bassa Modenese, tra i quali: San Felice sul Panaro, Concordia sulla Secchia, Finale Emilia, Mirandola, San Possidonio e Cavezzo.

Il Gruppo Studi Bassa Modenese è associato all'USPI - Unione Stampa Periodici Italiani - con sede a Roma. e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Notizie flash

A partire dall'estate del 2009 abbiamo deciso di rinnovare il sito della nostra Associazione.

 

Questo per due motivi:

 

- dare la possibilità ai soci di modificare il sito in tempo reale, annunciando eventi dell'Associazione o la pubblicazione di nuovi materiali

 

- offrire una modalità semplice, completa e aggiornata di ricerca e consultazione degli articoli apparsi nei Quaderni.

 

Speriamo di essere riusciti nel nostro scopo!