Gruppo Studi Bassa Modenese

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Norme redazionali per i collaboratori della rivista

Norme redazionali per i collaboratori della rivista

E-mail Stampa PDF

La collaborazione ai Quaderni é aperta a chiunque. I singoli articoli dovranno recare un effettivo contributo, per la novità della documentazione o dell'interpretazione critica, alla conoscenza della storia, della tradizione e dell'ambiente della Bassa Modenese.

Al fine di uniformare la redazione dei testi da pubblicare, si raccolgono qui alcune norme redazionali, per la compilazione delle note e della bibliografia.

I testi dovranno pervenire in copia cartacea e in formato digitale, preferibilmente in Word 2007 (quest’ultimo su DVD, CD o via mail).

Le responsabilità delle affermazioni, contenute nei singoli articoli o recensioni o servizi, sono a carico dei rispettivi Autori.

Indirizzare gli elaborati a: Gruppo Studi Bassa Modenese - Rocca Estense

41038 San Felice sul Panaro (Modena) – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

1. L'Autore ponga per esteso il proprio nome e cognome in testa all'articolo, sopra il titolo
definitivo e completo.

 

2. Le note devono avere una numerazione progressiva, richiamata nel testo da numeri arabi.

 

3. Nelle note le citazioni bibliografiche vanno redatte come segue:

  • iniziale puntata del prenome e cognome intero dell'autore, il tutto in maiuscoletto;

  • titolo dell'opera o dell'articolo, in corsivo;

  • luogo e data di edizione, non separati da alcuna interpunzione, nemmeno da virgola;

  • indicazione del numero delle pagine che si intendono citare, precisando preferibil-
    mente la pagina iniziale e quella finale del passo che interessa, separate da una lineetta.
    Esempio: ¹A. Vasina, Società politica e istituzioni nell’Italia padana (secoli IX-XII), Bologna 1974,
    pp. 59-71.

 

4. Se l'opera é in piú volumi, si indicheranno, prima del luogo e della cittá di edizione, il
volume o i volumi che si intendono citare, in numero romano omettendo di precisare la
parola «vol.».

Esempio: ¹G. Tiraboschi, Dizionario topografico-storico degli Stati Estensi, II, Modena l825, p. 251.

 

5. Se si tratta di citare articoli in periodici o riviste, al nome dell'autore e al titolo dell'articolo
si fará seguire, preceduto dalla preposizione «in», il titolo della rivista o del periodico tra
virgolette doppie, separato da semplice virgola; seguirà il numero del volume del
periodico in numeri romani, e poi, tra parentesi tonde, l'anno indicato in copertina, e
l'indicazione delle pagine citate.

Esempio: ¹F. Gavioli, Don Roberto Maletti nella società del suo tempo, in «Atti e Memorie della
Deputazione di Storia Patria per le Antiche Provincie Modenesi», serie XI, II (1980), pp. 181-194.

 

6. Citando articoli di opere miscellanee o di convegni, si ponga il titolo della miscellanea di
seguito al titolo dell'articolo, in corsivo, preceduto da «in» facendo poi seguire luogo, data
e pagine.

Esempio: ¹0. Capitani, Canossa: una lezione da meditare, in Studi matildici. Atti e memorie del III Convegno
di Studi Matildici, Modena 1978, pp. 3-23.

 

7. Un'opera o un articolo, citati più volte nel testo, saranno indicati la prima volta per esteso,
secondo le norme sopra indicate, in seguito con un'abbreviazione convenzionale,
preferibilmente una parola importante del titolo, seguita da una virgola e dall'abbreviazione «cit.».
L'iniziale puntata del prenome dell'autore dell'opera va omessa.

Esempio: ¹Tiraboschi, Dizionario, cit., II, p. 170.

 

 

Notizie flash

Con una libreria di centinaia di estensioni gratuite, permette di trovare gli strumenti necessari alla crescita del vostro sito Joomla!. Potrete anche aggiungere i vostri lavori quindi non aspettate, controllate subito la sezione Joomla! Extensions.